PER CHI È L’INTENSIVO SULL’ESSERE CONSAPEVOLE?

Da un punto di vista puramente teorico uno strumento utile ad aumentare la consapevolezza che è una dote che tutti possediamo, potrebbe o dovrebbe essere necessario a tutti. Sul piano pratico non è così, non tutti si cimentano nell’usare uno strumento utile. 

Le persone sono coinvolte in dinamiche esistenziali molto articolate e complesse che non possono essere ignorate. Compiono le loro scelte in base a priorità spesso ragionevoli, talvolta in base a idee bizzarre. In alcuni casi non si tratta di vere priorità ma di debolezze o di fragilità esistenziale. 

Le decisioni che compiamo sono un punto centrale della nostra vita e tracciano un confine tra che cosa decidiamo di fare e quali opportunità, invece, ci lasciamo sfuggire. 

In questo punto centrale esiste un fulcro: come decidiamo, perché decidiamo. 

Esistono scelte scaturite da un valore, da un’ambizione, da una visione progettuale e vissute con passione. All’opposto ci sono decisioni prese per comodità, per evitare un impegno o per non dover affrontare un rischio. Talvolta semplicemente ci si adagia e si lascia passare il tempo, sperando che le cose si aggiustino in qualche modo. 

È giusto dedicare a se stessi e alla propria famiglia la tranquillità desiderata, il riposo e la spensieratezza, poi ci sono degli aspetti della vita che richiedono una scelta consapevole e una decisione forte. Alcuni progetti chiedono il nostro pieno coinvolgimento, l’essere responsabili e impegnarci al massimo. Talvolta siamo anche chiamati a dare più di quanto ci sembra possibile, come accade nell’essere genitori. 

Se manca la padronanza di queste abilità personali si rischia di ritrovarsi sempre insoddisfatti. Invece di intraprendere una sfida e un cammino di miglioramento, ci si trova a indulgere negli stimoli, ad appagare solo i bisogni momentanei e qualche sporadico desiderio.

Allora di necessità si fa virtù e si cerca in tutti i modi di creare una “zona di comfort” in cui parcheggiare la propria vita. Per evitare il dolore e il senso di fallimento alcuni preferiscono anestetizzare la loro ambizione innata e reprimere il bisogno di miglioramento continuo. L’Intensivo non è una zona di comfort e chi la cerca evita l’Intensivo come l’eremita evita il mercato all’ora di punta. L’Intensivo non risolve i problemi della vita. 

Nell’Intensivo tutta l’attenzione è concentrata su un solo punto: conoscere se stessi, divenire maggiormente consapevoli. 

Nella vita quotidiana ognuno desidera qualcosa, vuole essere libero da un problema, desidera ottenere un obiettivo e cerca la strada per riuscirci. L’Intensivo è il contesto in cui conquistare se stessi significa scoprire che sono proprio io a costruire la strada della mai vita.

Essere più consapevoli non aiuta a pagare le bollette, non risolve il mal di denti e non garantisce di trovare sempre il parcheggio. Spesso le persone mi hanno chiesto: “Allora a cosa serve essere maggiormente consapevoli?” In questo punto amo invitare le persone a riflettere e cercare la soluzione da sé, dicendo: “Bella domanda, fortunato chi sa darsi una risposta”. 

Divenire maggiormente consapevoli significa esserci completamente e vivere con pienezza ogni attimo, perciò è un bisogno innato di ogni essere umano, ma al contempo è un bisogno che serve scoprire, maturare, nutrire. A volte è chiaro e forte, a volte è nascosto e assopito, tanto da sembrare inesistente. 

Affrontare un Intensivo può apparire come un salto nel vuoto, sta a noi trasformarlo in un salto nell’immensità che ci appartiene intimamente. 

Ciò avviene accendendo la nostra motivazione a conoscere noi stessi. 

Una maggiore consapevolezza è un cambiamento positivo d’immenso valore ma è necessario desiderarlo. Spesso si teme “il peggio” ma non sempre siamo pronti per “il meglio”.

Una maggiore consapevolezza è anche potere d’azione che si deve abbinare alla corrispondente maturità personale. Divenire maggiormente consapevoli equivale anche a divenire maggiormente responsabili. 

Come la luce fa scomparire l’ombra, la consapevolezza fa scomparire l’ignoranza. Riduce la separazione tra sé e gli altri. Quanto è diverso brancolare al buio dal camminare guardando i propri passi e il contesto in cui si procede, tanto è differente essere in perenne conflitto o sentirsi in unione con la realtà. 

L’Intensivo è una culla di umanità ed è foriero di universalità. L’esperienza del divenire maggiormente consapevoli porta a riconoscere il mondo come la propria casa e l’umanità come la propria famiglia. Un solo attimo di questa esperienza totalizzante cambia tutto. 

L’Esperienza Diretta apre orizzonti inediti e inimmaginabili di valore, di espressione, di responsabilità, di forme di amore e di partecipazione.  

Possiamo definirla come un vero salto in avanti della condizione umana o uno “slittamento di paradigma”, concetto descritto dal grande Thomas Kuhn nel suo saggio “La struttura delle rivoluzioni scientifiche”.

L’Intensivo sull’Essere Consapevole è un appuntamento esistenziale per chi vede le profonde implicazioni di una maggiore consapevolezza, per chi sente il valore di rinnovarsi e l’emozione del progredire come individuo consapevole. 

Negli Intensivi che conduco vedo le persone raggiungere un’intensa e completa consapevolezza, sciogliere la percezione soggettiva del loro tempo e trasformare ogni loro istante in un momento infinito, denso di libertà e di pace indescrivibile, ricco di un’intensità esistenziale e di un’indicibile bellezza. Allora non servono più parole e l’individuo consapevole emerge da sé. 

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Lascia un commento

Post Recenti

Iscriviti alla Newsletter